1

pietre inciampo

NIBBIOLA - 27-01-2020 - E' stata posata lo scorso 15 gennaio a Milano, in via Ceresio 3, una pietra d’Inciampo intitolata a Costantino Codini. Lo ha reso noto l'Istituto Storico della Resistenza di Novara.


Costantino Codini è nato a Nibbiola (NO) il 27 gennaio 1912 da Luigi Codini e Margherita Bertini, ultimo di quattro figli. Di professione muratore, nel 1937 ha sposato Luigia Morlandi e la coppia si è trasferita a Milano dove Costantino troverà lavoro come manovratore all’ATM; nel 1939  è nato  il figlio Natale. Dopo l’8 settembre è attivo all’interno dell’ATM per sostenere la Resistenza al regime. È arrestato mentre è in servizio dagli agenti della Muti il 28 febbraio 1944, accusato di diffondere volantini incitanti allo sciopero che sarebbe iniziato due giorni dopo. Incarcerato per qualche giorno a San Vittore è caricato sul “Trasporto n. 33” diretto a Mauthausen dove giunge il 13 marzo 1944 insieme ad altri 99 deportati. Gli viene attribuito il numero di matricola 57563 ed è classificato con la categoria Schutz. Trasferito ad Ebensee, dove è impiegato nello scavo delle gallerie, vi muore il 14 giugno 1944.

Foto repertorio

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.