1

polizia scritta portiera 700

NOVARA -13-09-2017- La Questura di Novara

ha diffuso un comunicato per fare il punto della situazione circa l'episodio di sabato scorso, quando quattro minorenni stranieri, dopo non aver rispettato l'alt di una pattuglia della volante, a bordo di un'auto rubata, si erano dati alla fuga per le vie della città, durante la quale avevano speronato un'altra auto della volante, provocando il ferimento di due poliziotti. "In merito ai gravissimi fatti occorsi lo scorso sabato a Novara, che hanno provocato il ferimento di due agenti delle Volanti e la distruzione di un’auto della Polizia - si legge nella nota - tutte le ipotesi di reato sono al vaglio della magistratura inquirente, che attribuirà la responsabilità dell’accaduto ai singoli concorrenti, differenziando le condotte degli stessi, qualora lo ritenga. Nelle more delle determinazioni dell’autorità giudiziaria, il questore ha già applicato l’istituto della diffida nei confronti dei quattro soggetti in esame, il quale, di per sé solo costituisce presupposto per l’applicazione di differenti e più gravi misure di prevenzione, quali, ad esempio, la sorveglianza speciale". Il comunicato prosegue sottolineando i fatti accaduti: "Si consideri, peraltro, che appare risibile ricondurre l’episodio ad un mero incidente stradale.  Si trattava di un’auto, rubata, inseguita dalla polizia con segnali sonori e visivi, che era fuggita dopo che le forze dell’ordine avevano intimato l’alt varie volte. La stessa auto, al solo fine di garantirsi la fuga, aveva superato contromano una fila di veicoli fermi al semaforo e, tuttavia, pur avendo visto un’auto della polizia, le andava deliberatamente contro". E ancora: "Il questore ha elogiato il lavoro di tutto il personale della Polizia intervenuto, inclusa la Polfer, che, con un’azione congiunta ha consentito in tempi rapidissimi di identificare e di bloccare i fuggitivi assicurandoli alla giustizia".

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.