1

medico foto

TORINO -25-07-2018 - Rispondendo ad

un'interrogazione in Consiglio regionale, l'assessore alla Sanità, Antonio Saitta, ha sottolineato che “la carenza di medici e di specialisti in tutta Italia sta provocando una vera emergenza nel sistema sanitario nazionale. In qualità di coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni rilevo come la situazione sia estremamente grave: il Governo deve assolutamente affrontare il problema ora, immettendo nella sanità pubblica, attraverso regolare assunzione, anche gli specializzandi". Il problema sarà ancora più evidente nel periodo estivo: "A livello nazionale i problemi inizieranno ad essere evidenti, perché diversi reparti dovranno chiudere - ha evidenziato Saitta - La mancanza di specialisti sta infatti determinando, soprattutto nelle aree meno urbanizzate, l'assenza di concorrenti nei concorsi banditi dalle aziende sanitarie. E' il caso di Borgosesia, dove l'attività del punto nascite dovrà essere temporaneamente interrotta per mancanza di medici, nonostante i ripetuti bandi effettuati dall'Asl di Vercelli e la ricerca di soluzioni alternative". Saitta ha ricordato che il Ministero quest'anno finanzierà 2.600 borse di studio in meno rispetto alle richieste delle Regioni. "Occorre nell'immediato trovare una soluzione, come quella che le Regioni hanno proposto con l'assunzione degli specializzandi, perché ora la priorità è affrontare l'emergenza".

 
 
 
 
 
 
 
 
 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.