1

bandiere gusto

NOVARA -10-07-2019 - Sono state oltre 700.000 le persone che in tre giorni hanno visitato, lo scorso fine settimana, il Villaggio Coldiretti, che ha coperto una superficie di 200mila metri quadrati attorno al Castello Sforzesco di Milano con la più grande fattoria mai realizzata in un centro storico di una città. Anche i soci delle province di Novara e Vco hanno partecipato numerosi, con diversi autobus organizzati per l’occasione.
Il bilancio stilato dalla Coldiretti a conclusione di #Stocoicontadini è positivo, si è trattato di una rassegna che ha ospitato 400 stand tra mercati degli agricoltori, aree del gusto, street food, stalle, agriasili, fattorie didattiche, orti, antichi mestieri, pet therapy, agrichef, laboratori, trattori, nuove tecnologie e workshop, presso i quali è stato possibile degustare, apprendere, giocare e divertirsi al fianco di oltre diecimila agricoltori. Tra le notizie di questa tre giorni c’è anche quella del numero record di 5155 “Bandiere del gusto” Made in Italy per il 2019. E’ quanto è emerso dal nuovo censimento 2019 delle specialità che sono ottenute secondo regole tradizionali protratte nel tempo per almeno 25 anni, presentato dalla Coldiretti durante il Villaggio. In Piemonte sono 342 le specialità, che ne fanno la sesta regione in Italia nella “classifica” di questi prodotti. Tra le “bandiere” piemontesi tanti anche i prodotti della provincia di Novara e, come il Salame d'la doja, tipico insaccato sotto grasso prodotto con carni suine di prima scelta condite con aglio e vino rosso, oppure il Fidighin o Fideghina, mortadella di fegato, senza dimenticare i dolci come i Biscottini di Novara, il Gramolino galliatese o il Pane di San Gaudenzio. “Dietro ad ogni prodotto c’è una storia, una cultura ed una tradizione che è rimasta viva nel tempo ed esprime al meglio la realtà dei nostri territori - afferma Sara Baudo, presidente di Coldiretti Novara - Vco - La necessità è quella di continuare a difendere queste produzioni dall’omologazione. Si tratta di un patrimonio culturale per l’intera collettività che la nostra regione può oggi offrire con orgoglio sul palcoscenico mondiale contando 14 Dop, 9 Igp, 18 Docg e 42 Doc”.

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.