1

polizia auto notte luci scritta corsa

NOVARA – 12-08-2019 – Arrestati due giovani che stavano per commettere un furto al Torrion Quartara a Novara. A segnalarli alla Polizia di Stato un residente del quartiere che li aveva notati nella serata di sabato 10 agosto mentre scavalcavano il cancello di una villa. I due si erano acquattati nei pressi dell’abitazione e, avendo capito di essere stati notati, avevano prima cercato di allontanarsi per poi, alla vista della Volante, scappare nelle campagne circostanti. Raggiunti dagli agenti, avevano dato inizio ad una colluttazione che, tra l’altro, ha procurato lesioni, giudicate guaribili in 20 giorni, ad un poliziotto. Arrestati per i reati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale, hanno avuto già oggi, lunedì 12 agosto, giudizio per direttissima, patteggiando la pena di 8 mesi, con sospensione condizionale.

I due sono cittadini albanesi ventenni, giunti in Italia da pochi giorni e privi di domicilio; uno era già stato indagato nel 2018 per reati contro il patrimonio compiuti in Emilia Romagna. Sono stati accompagnati in Questura dove è stato avviato l’iter per l’espulsione, attraverso il quale saranno imbarcati su un volo diretto in Albania. Se i dovessero rientrare in Italia, finiranno in carcere per il reato di reingresso illegale nello Stato. Sono inoltre in corso indagini per verificare la responsabilità degli arrestati riguardo ad altri furti commessi nel quartiere nei giorni scorsi. Dall’esame del telefono di uno dei due giovani (nel quale erano presenti anche foto di macchine fotografiche e orologi di pregio) si è potuto infatti constatare che esso si trovava localizzato proprio in quella zona di Novara nella notte del 7 agosto.

Già da qualche giorno il Questore di Novara aveva dato indicazioni di aumentare i controlli nella zona del Torrion Quartara, facendo proprie le richieste delle cittadinanza attraverso i social network riguardo ai furti e le sollecitazioni del sindaco di Novara. E grazie alla collaborazione dei cittadini questi hanno dato risultati. Come riportato da un comunicato della Qustura di Novara: “Se dopo i vari furti che avevano colpito le abitazioni del quartiere l’attenzione della Polizia di Stato si era alzata di livello con servizi mirati e controlli costanti, non va sottovalutato l’importante apporto dato dai residenti che, notati soggetti con fare sospetto, hanno segnalato la situazione. Bell’esempio di sicurezza partecipata”.

 

 

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.